Scopri 5 luoghi tra i più misteriosi al mondo

Inquietanti, enigmatici, misteriosi…ma sempre spettacolari! Ci sono luoghi sul nostro pianeta che lasciano senza fiato ma con tante domande. Che sia stata la mano dell’uomo o della natura a plasmarli, non si può fare a meno di interrogarsi sulla loro origine ed anche se spesso una risposta non c’è, o semplicemente non è in accordo con la “razionalità moderna”, è innegabile che le emozioni che provocano questi luoghi sono intense ed incredibilmente affascinanti.

Ecco dove scoprire alcuni tra i luoghi più misteriosi del mondo.

Castello di Dracula – Romania

shutterstockIl castello di Bran, meglio conosciuto come il Castello di Dracula, è la fortezza più famosa e visitata della Transilvania e si trova a Bran, a pochi chilometri dalla città di Brasov, in Romania.

Costruito nel 1300 da Ludovico I D’Angiò, il Castello di Dracula è arroccato su una parete rocciosa all’interno di una gola.

In tale castello è vissuto (realmente, si tratta di storia) il principe di Valacchia, tale Vladislav Dragonul III, meglio conosciuto come Dracul,  un personaggio crudele e sanguinario al quale si ispirò lo scrittore irlandese Bram Stoker per creare il più famoso dei vampiri: il conte Dracula, protagonista dell’omonimo romanzo e di numerose opere cinematografiche.

Il Principe Vlad III, detto Dracul, in Romania è considerato un vero e proprio eroe, in quanto fu in grado di tenere testa al potente impero ottomano, difese il cristianesimo e incentivò la costruzione di nuovi villaggi grazie ad una politica di benessere d’avanguardia per l’epoca. Ma sopratutto il conte Vlad è una figura storica dal valore incommensurabile poichè, inconsapevolmente, ha creato un mito che ancora oggi a 600 anni di distanza resta vivio e più attuale che mai.

Lago Phoksumdo – Nepal

shutterstockSono tanti i luoghi che rendono indimenticabile un viaggio in Nepal. Tra questi spicca senz’altro il lago Phoksumdo, di un turchese intenso ed incastonato tra pareti di roccia a strapiombo, a quasi 4.000 mila metri di altezza.

Pare sia molto profondo (650 metri), pare…perché nessuno lo sa con precisione dato che le sue acque sono inviolate: nessun essere umano le ha mai attraversate né a nuoto né in barca e nemmeno i pesci osano violarne la sacralità con la loro presenza.

Secondo la leggenda, è frutto della vendetta di un demone che accecato dall’ira, contro la popolozione locale che aveva tradito la sua fiducia, provocò un’inondazione tremenda che seppellì il villaggio e la sua gente sotto una spessa, ferma e inaccessibile coltre di acque turchesi.

Isola de Chiloé – Cile

shutterstockL’isola di Chiloé fa parte di un arcipelago situato a Sud del Cile, dove realtà e leggenda si fondono continuamente, creando un alone di magia e mistero molto diffuso in tutta l’isola.

La mitologia chilota si basa su una miscela di antiche religioni appertenenti ad antichi popoli indigeni (Chonos e Huilliches) che abitavano questa zona. Tale mitologia è cresciuta e prosperata nell’isola a causa dell’isolamento dal resto del mondo.

Qui i pescatori hanno paura di incontrare il Caleuche, la nave fantasma, che secondo la leggenda trasporta gli stregoni, che con i loro canti attraggono le barche per sottrarre ciò che hanno a bordo. Si narra che, oltre ai maghi, sull’imbarcazione ci siano anche i marinai annegati, portati su di essa dalla Pincoya, una donna di straordinaria bellezza, che impersonificherebbe la fertilità delle coste e delle specie marine.

La mitologia dell’arcipelago si nutre di leggende e di stregonerie (praticate tutt’oggi); è un luogo molto particolare dove si può toccare con mano come, ancora oggi, ci siano dei luoghi magici ed incantati; e qui, come nelle favole, spesso è la magia a divenire la chiave di lettura della realtà e la spiegazione meno dolorosa per lutti, tragedie e scomparse che investono gli abitanti dell’isola.

 Moai – Isola di Pasqua

shutterstockL’Isola di Pasqua, situata al largo delle coste del Cile, deve il suo nome al fatto che fu scoperta il giorno di Pasqua del 1722 dall’esploratore Olandese Jacob Roggeveen. Nell’immaginario collettivo viene identificata con le statue dei Moai, enormi busti monolitici sparsi lungo l’intero territorio (se ne contano circa 1000). I Moai sono alti tra i  2,5 e i 10 metri, ne esiste anche uno, incompleto, che raggiunge i 21 metri d’altezza. Quelli di 10 metri pesano tra le 75 e le 86 tonnellate, spesso sono visibili solo le teste, ma al di sotto è quasi sempre presente un corpo interrato.

Resta ancora misterioso il significato delle statue. Forse rappresentano antichi sovrani o, come pensano oggi i ricercatori, simulacri di divinità portatori di benessere e prosperità. La tesi più suggestiva vuole che i colossi di pietra si muovessero, grazie ad una forza misteriosa che solo due sacerdoti erano in grado di controllare. Un giorno, però, i due sacerdoti scomparvero e da lì il lavoro di costruzione delle statue fu sospeso e questo spiegherebbe il perchè una schiera di statue sia rimasta incompiuta (gli studiosi fanno coincidere questo momento con l’anno 1500).

Altro mistero riguarda gli abitanti dell’Isola di Pasqua: i Rapa Nui. Una popolazione con un corredo genetico rapportabile a quello di popolazioni di origine polinesiana. Come nel 1200 una popolazione sia stata in grado di compiere un flusso migratorio di circa 4.200km resta un mistero, a cui ancora oggi gli studiosi non riescono ad avanzare alcuna iptoesi plausibile…ma questo è un altro mistero…

 Loch Ness – Scozia

flickr_Alister McBainNon poteva mancare il celeberrimo lago scozzese. Le leggende, che parlano di un grande mostro che vive negli oscuri abissi del lago, circolano sin da quando gli fu scattata la prima fotografia nel 1933.

Questo meraviglioso lago è ancora oggi avvolto nel mistero. Non c’è bisogno di dire che Nessie è il nostro mostro preferito…ma il luogo in cui vivrebbe è ancor più affascinante: si tratta di un lago dalle acque che raggiungono una profondità massima di 230 m, che si distingue per la bellezza del suo panorama. Poco importa se Nessie è frutto della fantasia umana…il lago è incantevole, misterioso e merita sicuramente una visita.

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *