Il Capodanno nel mondo

Ecco una selezione delle migliori destinazioni in cui trascorrere l’ultimo giorno dell’anno.

Con celebrazioni letteralmente in ogni angolo del globo, sarebbe un vero peccato passare la notte di Capodanno dove si è già stati per i precedenti 364 giorni, inoltre, un viaggio potrebbe essere la soluzione migliore per fare il pieno di energia, così da affrontare al meglio il nuovo anno.

Parti insieme a noi alla scoperta del miglior Capodanno del mondo!

Brasile

@shutterstock

Nessuno festeggia come in Brasile, qui il Capodanno viene superato solamente dal famosissimo Carnevale. In questa notte di festa tutti raggiungono, tassativamente vestiti di bianco, la spiaggia di Copacabana o Ipanema e offrono alla dea del mare rose rosse e fiori di palma bianchi, chiaramente il tutto a ritmo di samba ed illuminati dai fuochi d’artificio.

Elemento di fondamentale importanza per il Capodanna in Brasile è il mare e coloro che hanno la fortuna di passare l’ultimo dell’anno qui, allo scoccare della mezzanotte si buttano in acqua e saltano sette onde esprimendo ogni volta un desiderio diverso.

 

Giappone

@shutterstockLe celebrazioni per il Capodanno in Giappone, vanno dal 31 dicembre al 3 gennaio. In questo periodo si ringraziano gli dei protettori dei raccolti e si dà il benvenuto agli spiriti degli antenati. Per accoglierli si espongono, fuori dall’ingresso delle case, delle decorazioni fatte di fili di paglia e di bambù, che servono anche ad allontanare gli spiriti maligni.

Allo scoccare della mezzanotte, in tutti i templi buddisti del Giappone avviene il Joya no kane, ovvero le campane suonano 108 rintocchi, tanti quanti i peccati umani secondo la religione buddista, liberando così i giapponesi dai desideri terreni che impediscono loro di raggiungere la felicità.

 

Messico

@shutterstockUn incredibile spirito di gioia caratterizza ed anima i messicani durante i festeggiamenti della “Nochevieja”, tutte le spiagge vibrano a suon di musica e balli. Le strade delle città si colorano con la luce di piccoli fuochi accesi, tra le cui fiamme vengono gettate pietre e mestoli di legno (simbolo degli spiriti malvagi).

Come in Spagna i messicani sono soliti mangiare i dodici chicchi di uva, uno per ogni mese dell’anno, ma attenzione: vanno tassativamente mangiati allo scoccare della mezzanotte…uno ad ogni rintocco dell’orologio.

Fondamentale per il capodanno in Messico indossare l’outfit giusto: l’abito deve essere bianco (per attrarre le vibrazioni positive), un particolare dell’abbigliamento deve essere verde (per la buona salute), biancheria intima rossa (per l’amore) ed infine un particolare giallo (per la ricchezza).

 

Russia

@shutterstockSe in Europa è il Natale ad avere una grande importanza, in Russia è il Capodanno a fare da protagonista indiscusso tra tutte le festività. La Russia è l’unico paese dove il Capodanno si festeggia ben due volte: il 31 dicembre ed il 13 gennaio secondo il calendario Giuliano.

Preparate le insalate: in Russia, incredibile ma vero, è l’insalata ad essere la protagonista assoluta del cenone, e poiché in casa talvolta non si trovano piatti sufficientemente grandi, alcune insalate vengono servite dentro alle tinozze.

La mezzanotte viene scandita dalla Torre Spasskaja del Cremlino, che dà inizio alle danze ed agli spettacolari fuochi d’artificio.

P.S. In Russia non esiste Babbo Natale, il suo corrispettivo è Nonno Ded Moroz che è accompagnato da sua nipote, la Fanciulla della neve che lo segue a distribuire doni e dolciumi ai più piccoli.

 

New York

@shutterstockPer rivivere atmosfere da film, ammirare maestosi grattacieli e dedicarsi allo shopping, non c’è niente di meglio che un capodanno a New York.

Le proposte della Grande Mela sono tante, tutte davvero interessanti, adatte a ogni età e ad ogni gusto.
La notte del 31, a Times Square, ha luogo la spettacolare cerimonia della “Ball Drop”, uno dei festeggiamenti più famosi al mondo. A mezzanotte la celebre sfera inizia la lenta discesa nella piazza, in quel frangente i presenti esprimono desideri di felicità e benessere.
Spettacoli musicali, fuochi d’artificio e una pioggia di coriandoli sono assicurati.

Per i più sportivi, invece, un appuntamento imperdibile è la “NYRR Midnight Run” a Central Park: una corsa di 4 miglia che ha inizio allo scoccare della mezzanotte. I partecipanti potranno godersi uno spettacolo imperdibile correndo mentre il parco si illumina di fuochi artificiali. All’arrivo, musica e balli li attendono per iniziare il nuovo anno alla grande.

Da non sottovalutare, infine, la possibilità di fare una mini-crociera nella baia di New York che garantisce viste spettacolari sulla città ed un posto in prima fila per ammirare i fuochi d’artificio di tutta Manhattan.

Capodanno a New York è un sogno che, prima o poi nella vita, vale la pena far diventare realtà!

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *