Il Nepal, pronto ad accogliere nuovi viaggiatori da Settembre

Sono passati due mesi dal 25 Aprile, giorno in cui una violenta scossa ha colpito in maniera tragica il Nepal e il suo popolo. Una seconda scossa è arrivata poi il 12 Maggio, contribuendo a saccheggiare ancora di più il paese.

Il terremoto ha provocato distruzione e vittime. Molte associazioni di volontariato si sono allora precipitate per creare dei progetti di aiuto per il popolo nepalese. Una di queste associazioni è Finale for Nepal in associazione con Volontari senza frontiere, gestita e sostenuta dal nostro tour operator locale. Lo scopo dell’associazione è di aiutare la popolazione gestendo i propri fondi e andando nei villaggi più remoti, proprio li dove si ha più bisogno di aiuto.

Ma ora bisogna andare avanti e pensare a come aiutare tutta la popolazione nepalese nel miglior modo possibile, cioè rilanciando il turismo.

10576641835_46ea314cd9_z

Evaneos.it in collaborazione con il nostro tour operator partner, situato in Nepal, vuole invitare tutti i viaggiatori desiderosi di scoprire il Nepal a farlo a partire da settembre, un paese bellissimo e coraggioso, che con pochi mezzi sta andando avanti e si sta rimettendo in piedi. Il turismo è una delle risorse più importanti del paese, una risorsa fondamentale che aiuterebbe il paese a rimettersi in sesto per accogliere ancora più viaggiatori amanti dell’avventura. Da Settembre 2015, il Nepal sarà pronto ad accogliere nuovi viaggiatori, per scoprire le bellezze dei paesi e organizzare tour alla scoperta dei luoghi più belli del mondo.

Ti aggiorniamo sui punti toccati dal sisma e soprattuto sui luoghi risparmiati, pronti ad accogliere i viaggiatori per vivere un’esperienza incredibile.

  • Sul piano culturale, i siti storici della valle di Kathmandu iniziano a riaprire al pubblico (Bhaktapur, Patan, Kathmandu Durbar, Pashupatinath e la stupa di Boudhnanath). La maggior parte degli hotel sono aperti e pronti ad accoglierti.
  • La strada di Pokhara non è stata danneggiata, come la sua città e i suoi dintorni. Anche la regione di Teraï è intatta pronta ad accogliere gruppi nelle migliori condizioni.
  • Per i Trekking: tutta la parte Ovest del Nepal, Mardi Himal, Nar Phu, Annapurna, Mustang, Dolpo, Daulaghiri non è stata toccata dal sisma. Tutte queste regioni sono aperte agli amanti di escursioni.
  • La regione dell’Everest è stata toccata dal secondo sisma, ma la maggior parte delle lodge dovrebbero essere operative da Ottobre 2015.
  • Le regioni del centro, Manaslu, Ganesh Himl, Langthang, Helambu non sono per il momento praticabili. Bisogna aspettare Settembre 2016 perché siano riaperte ai viaggiatori.
  • Per tutti i viaggi verso Lhassa in Tibet, bisogna passare via Kathmandu o Chengdu. Purtroppo la strada del Tibet (Kodari) è molto danneggiata.

 

personaggio in nepal

Da Agosto, per chi vuole scoprire il Tibet, passando dalla Cina e arrivando in aereo o in treno a Lhasa. Viaggi alla scoperta di palazzi, monasteri, templi e passi di alta quote dove ammirare le cime più alte del mondo. Il turismo si presenta come il fattore chiave per ricostruire il paese e per far tornare il sorriso sul volto della popolazione nepalese.

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *