New York: dove andare, i nostri posti preferiti

I grattacieli scintillanti di vetro e acciaio, il continuo sottofondo di traffico e sirene, le insegne luminose, i vecchi vagoni cigolanti della metro, il costante odore di cibo, i punk, i graffiti, le bancarelle degli hot dog, i millennial, gli elicotteri che si alzano in cielo, gli impiegati del financial district, i taxi, gli hipster, i party glamour, le limousine. L’elenco potrebbe continuare all’infinito: è come se a New York convergessero tutte le culture e le tendenze del mondo in un circo senza fine che dura notte e giorno, come se tutte le cose più cool e importanti del pianeta non potessero avvenire altro che lì, a Manhattan e nei dintorni.

Vorremmo farvi vivere New York nel migliore dei modi, aiutandovi a trovare alcuni dei posti più autentici. Dopo aver visto il ponte di Brooklyn, l’Empire State, il One World Trade Center, la Statua della Libertà, Times Square e Broadway, il Moma, il Lincoln Center, Little Italy e Chinatown, sarete pronti per lasciare Manhattan e avventurarvi a Brooklyn.

WILLIAMSBOURG

È il quartiere degli alternativi e dei creativi. È pieno di ristorantini, bar, gallerie d’arte, sale da concerto, librerie, negozi vintage, mercatini biologici e graffiti. Curiosate tra i negozietti del Mini Mall. Mangiate da Juliette, ha una bellissima terrazza. Andate a bere una birra artigianale alla Brooklyn Brewery. Godetevi la stupenda vista su Manhattan dalla spiaggetta dell’East River State Park.

COBBLE HILL

È un quartiere residenziale, quasi surreale da quanto è tranquillo e vivibile. Tra i viali alberati e le case di mattoni si aggirano ragazzini, coppie e famiglie. È un’oasi al riparo dalla frenesia e dal caos del centro. Ci sono fiorai, fruttivendoli, bar, cafè e ristoranti. C’è un’atmosfera intima e sembra quasi di poter spiare nella vita quotidiana dei newyorkesi di Brooklyn.

• “Can you believe?” @jvn

A post shared by patrick mcgettigan (@patrickmcgettigan) on

In love with this neighbourhood. #boerumhill #cobblehill

A post shared by Anastasia Seminchenko (@seminchenko) on

RED HOOK

Quartiere portuale e centro creativo. I suoi magazzini di ferro arrugginito e mattoni vengono riconvertiti. Molti artisti lo scelgono come il posto in cui vivere. È una zona post-industriale molto affascinante, grezza e genuina. Guardate la Statua della Libertà dal pontile del parco Louis Valentino. Percorrete le stradine del quartiere alla ricerca del ristorante di pesce che più vi ispira, ce ne sono molti.

Art in Red Hook #redhookbrooklyn #janellesfavorite

A post shared by SamSedHill (@samsedhill) on

CONEY ISLAND E BRIGHTON BEACH

Non è solo il posto dove i newyorkesi vanno al mare d’estate e il set di numerosi film, tra cui l’ultimo di Woody Allen Wonder Wheel, ma è la casa della comunità degli immigrati russi, che vivono tra palazzi popolari, insegne stinte e vecchi edifici di mattoni. Si chiama Little Odessa e ne parla in maniera prrofondita e affascinante questo articolo del Tascabile. Camminate lungo Stillwell Avenue, di fronte alla stazione vedrete un gigantesco murales dei fratelli Os Gemeos. Attraversate Bowery Street e vedrete la sala giochi che è stata la sede della F-Society nella famosissima serie Mr Robot.

Contattate Andrea – l’agente locale che si occupa degli Usa – vi aiuterà a organizzare il vostro viaggio a New York.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *